Area Omogenea

Area omogenea, Festari confida nell'esperienza di Rossoni su scuola e sanità locale

I Comuni dell'Area Omogenea, saranno chiamati a dare il proprio apporto su alcuni temi strategici per riportare Crema e il suo circondario protagonista della vita politica ed economica della provincia di Cremona e non solo.
A tal proposito il Sindaco di Madignano, Elena Festari, ha manifestato un pensiero positivo e di profonda stima per il nuovo presidente Gianni Rossoni.
Ritiene che la grande esperienza politica di Rossoni sia un valore aggiunto e che sarà capace di garantire a tutti i comuni, indipendentemente dalle dimensioni, la stessa importanza. Essendo Crema la città trainante è logico che le dinamiche siano principalmente focalizzate lì, senza però perdere il senso dell'interezza del territorio.
Secondo il sindaco di Madignano, è necessario puntare all’ampliamento di servizi, senza perdere quelli attuali (come è stato per esempio con il tribunale cittadino ndr), con particolare riguardo alla sanità e alla scuola che sono i temi fondamentali per un costante sviluppo del territorio.

Consulta l'articolo su https://www.cremaonline.it/politica/13-11-2022_Festari%3A+%27scuola+e+sanit%C3%A0%2C+le+priorit%C3%A0+dell%27area+omogenea%27

15 Novembre 2022

Incontro tra Comunità Sociale Cremasca e Consorzio.it

Incontro tra Comunità Sociale Cremasca e Consorzio.it
Valutate le possibili future collaborazioni e sinergie per un’Area Omogenea Cremasca sempre più coesa


Presso gli uffici di Consorzio.it è avvenuto ieri un incontro con i vertici di Comunità Sociale Cremasca, l'azienda speciale consortile, costituita nel 2006 dai 48 Comuni del distretto Cremasco a sostegno della programmazione e della gestione dei servizi sociali e socio-sanitari sul territorio cremasco.
L'Amministratore Delegato di Consorzio.it  Ing. Bruno Garatti insieme al Direttore Dott. Massimo Zanzi, hanno incontrato la Presidente Dott.ssa Angela Beretta, il consigliere Ing, Saverio Pezzotti e il Direttore Dott. Davide Vighi per l'analisi di alcune gare su cui è stato richiesto da parte di Comunità Sociale il supporto della  CUC (Centrale Unica di Committenza) di Consorzio.it.
Consorzio.IT, come noto, è Centrale Unica di Committenza ormai da diversi anni a supporto degli uffici comunali del territorio nella predisposizione della documentazione relativa ai bandi di gara,  offrendo consulenza relativamente agli obblighi di pubblicità legale in ambito di appalti pubblici e trasmissione dati e assistendo il responsabile unico del procedimento di gara nonché la commissione giudicatrice.

L'incontro si è quindi evoluto attorno a tematiche che potrebbero alimentare ulteriori collaborazioni tra Consorzio.IT e CSC, due aziende del territorio cremasco che supportano, nei loro settori di competenza, l’azione degli Enti locali dell’Area Omogenea Cremasca.

In particolare si sono valutate collaborazioni nel settore della transizione digitale in riferimento alla figura del RTD (Responsabile della transizione digitale) considerato che Consorzio.it e’ già parte dell’Ufficio RTD associato del cremasco - che già vede coinvolti 35 Comuni del territorio - con la conseguente possibilità anche per CSC di accedere agli avvisi digitali del PNRR all’interno di un percorso strategico territoriale ancor più condiviso.  Altre possibili collaborazioni e sinergie sono state ipotizzate su ulteriori servizi che Consorzio.it già svolge per molti Comuni soci e che potrebbero essere interessanti e condivisi in futuro anche da CSC (privacy-regolamento GDPR, e altri servizi ecc..).

Le due Aziende hanno quindi già definito un calendario di incontri tra i tecnici di settore per definire più specificatamente lo sviluppo operativo delle sinergie possibili.

Lo sviluppo della collaborazione tra Consorzio.it e Comunità Sociale Cremasca va quindi ad arricchire il tentativo di sviluppare e rilanciare quell’azione sempre più coesa, dentro l’Area Omogenea Cremasca, da parte dei Comuni del territorio.
 

19 Ottobre 2022

Area omogenea cremasca, Gianni Rossoni: ‘Non c’è tempo da perdere, torniamo protagonisti’

Il presidente dell'area omogenea Gianni Rossoni, in una recente intervista rilasciata a Crem@online, ha sottolineato l'importanza di un'azione tempestiva e di un programma concreto volto al raggiungimento degli obiettivi definiti con i Sindaci, avvalendosi del braccio operativo Consorzio.IT
A tal proposito sono stati fissati numerosi incontri per definire al meglio il lavoro. Il primo è martedì 18 ottobre con la riunione del comitato ristretto che si riunirà per affrontare alcune questioni di Consorzio.it e per discutere della bozza del regolamento in merito alla futura giunta.
Il 25 ottobre nell’assemblea dell’Asst sarà indicato il presidente della conferenza dei sindaci. Un passo importante che va nella direzione della sanità territoriale.
Durante l’intervista Rossoni ha evidenziato più volte la necessità di pensare ai contenuti dell’area omogenea programmando azioni concrete per declinare sul territorio l’attuazione della legge di riforma della sanità nell’ottica della medicina territoriale. Regione Lombardia ha approvato il Poas (piano di organizzazione aziendale strategico) attraverso il quale il presidio di Rivolta d'Adda ha ricevuto il titolo di unità complessa e il magazzino farmaceutico dell’Asst, ora a Desenzano del Garda, tornerà nel territorio cremasco (a Madignano).
Mercoledì 12 ottobre si terrà il consiglio provinciale e il presidente Rossoni porterà l'attenzione sulle infrastrutture, in particolare sulla riqualificazione del ponte di Spino d’Adda, progetto in stallo e sul raddoppio della ferrovia Cremona - Milano via Treviglio.
Sul fronte CER (Comunità Energetiche Rinnovabili) a breve, si terrà un incontro  con Consorzio.it e con l’assessore Raffaele Cattaneo, per capire come procedere per la manifestazione d’interesse regionale, in termini di progettualità e modalità, in scadenza il 31 dicembre 2022. Rossoni la ritiene una sfida importante che va a coinvolgere la cittadinanza perchè implica un cambio di abitudini e tradizioni culturali.
Nell’ottica del risparmio energetico, l'obiettivo dei sindaci è di individuare una modalità per abbattere i costi. Una prima proposta, avanzata dal presidente Rossoni è proprio quella di spegnere, per esempio, l’illuminazione sulle piste ciclo - pedonali dalle 24 alle 6 o in qualche parco.

12 Ottobre 2022

Caro Energia:L'emergenza - La proposta di Rossoni "Ciclabili senza luce"

Il presidente dell'Area Omogenea, Gianni Rossoni, porta all'attenzione dei Sindaci una proposta volta al contenimento dei consumi dell'energia elettrica: "Spegnere l’illuminazione delle piste ciclo pedonali comunali durante la notte, tra le 24 e le 6 del mattino, quando i percorsi sono poco o per nulla utilizzati, specialmente in questo periodo dell’anno e in inverno".
L'obiettivo è quello di ridurre i consumi di elettricità e far fronte così, almeno parzialmente, all’incremento dei costi di gestione dovuto al caro energia e più in prospettiva, promuovere le comunità energetiche, già ampiamente presentate dal sindaco di Crema, Fabio Bergamaschi in una conferenza tenuta nei giorni scorsi alla Bocconi a Milano.
Tutto ciò dovrà essere accompagnato da un deciso cambio culturale di abitudini della popolazione cremasca affinché la riduzione dei consumi di elettricità e la sostenibilità energetica siano reali e concreti.
Il Presidente comunica che i comuni dell'area omogenea parteciperanno al bando regionale per ottenere finanziamenti necessari ad organizzare le comunità energetiche avvalendosi della collaborazione di Consorzio.IT, braccio operativo e nodo strategico di relazioni intercomunali.

7 Ottobre 2022

Area Omogenea - La ripartenza

«Cremasco unito e più forte»

L’intervista. Il neo presidente Rossoni: «Torniamo protagonisti a livello provinciale. Sanità, trasporti e viabilità i nodi»

Il 4 ottobre i sindaci cremaschi (due soli voti contrari Giuseppe Lupo Staghellini di Monte Cremasco e Davide Bettinelli di Chieve) hanno affidato al nuovo Presidente Gianni Rossoni (Sindaco del Comune di Offanengo) il compito di rilanciare l’azione dell’Area omogenea.
L'Area Omogenea comprende 48 Comuni del cremasco (negli ultimi anni aveva visto l’uscita di 8 recedenti, poi rientrati), ovvero circa 164mila abitanti, e si estende su una superficie di 573,2 kmq.
A supporto della figura del Presidente, c'è l'intenzione del Presidente di costituire un organo collegiale composta da 6-8 sindaci; a tal proposito il 18.10 verrà convocato il Comitato Ristretto dei Sindaci (nucleo di 13 Sindaci) che valuterà tale proposta e affronterà il tema della bozza di regolamento dell’Area omogenea.
I temi con alta priorità che sanno affrontati dal nuovo Presidente e dall'area omogenea sono essenzialmente i temi inerenti la sanità (per l'attuazione della riforma regionale per la parte che riguarda la sanità territoriale e per definire il ruolo dei comuni anche sulla base dell'emergenza Covid), l'infrastruttura ferroviaria (per migliorare le condizioni di trasporto della linea per Milano), la viabilità (per procedere con i lavori della Paullese in zona Spino d'Adda e Zelo Buon Persico), la rete di telecomunicazione basata su fibra ottica (per completare l'opera iniziata dal Sindaco Casorati, ovvero per portare la fibra anche in quei comuni presso i quali non si è intervenuti per via di politiche di progetto).
Il presidente ritiene importante agire nell'immediato avere il giusto protagonismo e interloquire con Consorzio.It, verificando che il cda attui la propria mission, concentrare l'attenzione sull’alta formazione professionalizzante, rafforzando la fondazione deputata a promuovere questi corsi. Senza dimenticare la promozione nelle scuole.

Articolo pubblicato sul quotidiano La Provincia 06 Ottobre 2022

6 Ottobre 2022

Ultime notizie ed eventi