News

Caro Energia:L'emergenza - La proposta di Rossoni "Ciclabili senza luce"

Il presidente dell'Area Omogenea, Gianni Rossoni, porta all'attenzione dei Sindaci una proposta volta al contenimento dei consumi dell'energia elettrica: "Spegnere l’illuminazione delle piste ciclo pedonali comunali durante la notte, tra le 24 e le 6 del mattino, quando i percorsi sono poco o per nulla utilizzati, specialmente in questo periodo dell’anno e in inverno".
L'obiettivo è quello di ridurre i consumi di elettricità e far fronte così, almeno parzialmente, all’incremento dei costi di gestione dovuto al caro energia e più in prospettiva, promuovere le comunità energetiche, già ampiamente presentate dal sindaco di Crema, Fabio Bergamaschi in una conferenza tenuta nei giorni scorsi alla Bocconi a Milano.
Tutto ciò dovrà essere accompagnato da un deciso cambio culturale di abitudini della popolazione cremasca affinché la riduzione dei consumi di elettricità e la sostenibilità energetica siano reali e concreti.
Il Presidente comunica che i comuni dell'area omogenea parteciperanno al bando regionale per ottenere finanziamenti necessari ad organizzare le comunità energetiche avvalendosi della collaborazione di Consorzio.IT, braccio operativo e nodo strategico di relazioni intercomunali.

7 Ottobre 2022

Area Omogenea - La ripartenza

«Cremasco unito e più forte»

L’intervista. Il neo presidente Rossoni: «Torniamo protagonisti a livello provinciale. Sanità, trasporti e viabilità i nodi»

Il 4 ottobre i sindaci cremaschi (due soli voti contrari Giuseppe Lupo Staghellini di Monte Cremasco e Davide Bettinelli di Chieve) hanno affidato al nuovo Presidente Gianni Rossoni (Sindaco del Comune di Offanengo) il compito di rilanciare l’azione dell’Area omogenea.
L'Area Omogenea comprende 48 Comuni del cremasco (negli ultimi anni aveva visto l’uscita di 8 recedenti, poi rientrati), ovvero circa 164mila abitanti, e si estende su una superficie di 573,2 kmq.
A supporto della figura del Presidente, c'è l'intenzione del Presidente di costituire un organo collegiale composta da 6-8 sindaci; a tal proposito il 18.10 verrà convocato il Comitato Ristretto dei Sindaci (nucleo di 13 Sindaci) che valuterà tale proposta e affronterà il tema della bozza di regolamento dell’Area omogenea.
I temi con alta priorità che sanno affrontati dal nuovo Presidente e dall'area omogenea sono essenzialmente i temi inerenti la sanità (per l'attuazione della riforma regionale per la parte che riguarda la sanità territoriale e per definire il ruolo dei comuni anche sulla base dell'emergenza Covid), l'infrastruttura ferroviaria (per migliorare le condizioni di trasporto della linea per Milano), la viabilità (per procedere con i lavori della Paullese in zona Spino d'Adda e Zelo Buon Persico), la rete di telecomunicazione basata su fibra ottica (per completare l'opera iniziata dal Sindaco Casorati, ovvero per portare la fibra anche in quei comuni presso i quali non si è intervenuti per via di politiche di progetto).
Il presidente ritiene importante agire nell'immediato avere il giusto protagonismo e interloquire con Consorzio.It, verificando che il cda attui la propria mission, concentrare l'attenzione sull’alta formazione professionalizzante, rafforzando la fondazione deputata a promuovere questi corsi. Senza dimenticare la promozione nelle scuole.

Articolo pubblicato sul quotidiano La Provincia 06 Ottobre 2022

6 Ottobre 2022

Le comunità del risparmio

Le comunità del risparmio  La «Bocconi» studia Crema

Il Sindaco di Crema, Fabio Bergamaschi, nell’ambito  del «Salone  della responsabilità  sociale  d’impresa e  dell’innovazione  sociale» tenutasi all’Università Bocconi di Milano, ha presentato il modello che sta coinvolgendo tutti i Comuni del comprensorio cremasco nella progettazione di Comunità energetiche rinnovabili e che sta prendendo forma sotto la regia di Consorzio.IT.
Si tratta di un modello organizzativo improntato su una nuova forma di collaborazione tra cittadini, pubblica amministrazione e soggetti privati, tutti tesi verso lo stesso obiettivo: la sostenibilità  energetica del territorio cremasco, non più semplice articolazione geografica, ma vero e proprio organismo collettivo. 
Il modello cremasco è considerato un caso storico proprio per essere caratterizzato dal fattivo lavoro collettivo indirizzato alla costituzione di un'associazione di utenti che condividano tutta l'energia da loro prodotta, da fonti rinnovabili, al fine di coprire il loro fabbisogno simultaneo.
La realizzazione dell'obiettivo potrà essere sostenuta economicamente dai finanziamenti previsti dagli avvisi del PNRR e dai bandi regionali ed operativamente da Consorzio.IT che diventerebbe anche braccio operativo seguendo passo passo il necessario iter, fino arrivare alla costruzione degli impianti. In questo contesto, tenendo conto delle dimensioni di alcuni Comuni, l’individuazione di una figura come Consorzio.IT, che ha il merito di creare alleanze e sinergia tra i vari enti, conferisce dinamicità ed efficienza al modello.
Nel cremasco, la Diocesi ed alcuni Enti (Comuni di Ripalta Cremasca, Formigara, Fiesco, Pieranica) si sono già attivati per effettuare raccolte informative tra i cittadini per la creazione delle CER e ricognizioni  per l'individuazione dei «punti produttori» (cioè l’installazione  di  pannelli  fotovoltaici o di altra energia rinnovabile).
I tempi di realizzazione sono dettati dalle norme che prevedono che entro il 2026 tutti gli edifici pubblici dovranno avere impianti fotovoltaici e ci dovrà essere almeno una Comunità energetica per ogni Comune sopra i 10 mila abitanti.

Articolo del  04.10.2022 - La Provincia 

4 Ottobre 2022
Smart Mobility Data Driven

Smart Mobility Data Driven - Manifestazione di interesse

Smart Mobility Data Driven - Manifestazione di interesse

Avviso per la selezione di amministrazioni pubbliche e soggetti pubblici - incluse università e centri di ricerca - in grado di presentare proposte di soluzioni innovative e di eccellenza in ambito Smart Mobility Data Driven

Chi può partecipare:

Sono invitati a manifestare interesse a presentare proposte le seguenti categorie di amministrazioni pubbliche e soggetti pubblici presenti sul territorio lombardo: 

  1. Comuni >= 15.000 abitanti, Unioni di Comuni >= 15.000 abitanti,  Consorzi di Comuni >= 15.000 abitanti, Comunità Montane, Province, Città metropolitana;
  2. Agenzie per il trasporto pubblico istituite ai sensi della l.r. 6/2012, 
  3. Consorzi pubblici e Società pubbliche - anche in house - per il trasporto e la mobilità,  
  4. Università e istituti di istruzione universitaria pubblici, enti e istituzioni di ricerca pubblici, interessati a effettuare investimenti sul territorio lombardo che incrementino il proprio patrimonio pubblico con l’obiettivo di offrire servizi di “Smart Mobility Data Driven”. 

Informazioni e contatti:

Per  problemi di accesso alla piattaforma o per l' assistenza tecnica è possibile contattare il numero verde  800.131.151 o scrivere alla casella mail: bandi@regione.lombardia.it
Informazioni relative all’Avviso e agli adempimenti ad esso connessi potranno essere richieste tramite i seguenti canali: 

Il Decreto di riferimento dell'Avviso per la manifestazione di interesse è il numero 11803 del 5 agosto 2022.

Bando pubblicato sul portale della Regione Lombardia all'indirizzo: https://www.bandi.regione.lombardia.it/procedimenti/new/bandi/bandi/ricerca-innovazione/ricerca-sviluppo-innovazione/smart-mobility-data-driven-RLF12022027023

21 Settembre 2022