Avviso

1 Agosto 2022

PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione

Articolo pubblicato in origine su: https://www.forumpa.it/pa-digitale/pnrr-e-pa-digitale-non-dimentichiamo-la-dematerializzazione/

Con le risorse del PNRR rese disponibili sul digitale si può fare anche dematerializzazione, ovviamente una volta effettuato quanto esplicitamente richiesto dagli avvisi e finalizzato all’erogazione dei fondi. La dematerializzazione è un tema spesso sottovalutato o ritenuto poco interessante, mentre è la base per processi completamente digitali

Indice degli argomenti

  1. Obiettivi della dematerializzazione
  2. Linee guida AgID e dematerializzazione
  3. Protocollazione e gestione documentale
  4. Conservazione delle risorse digitali
  5. Classificazione e Fascicolazione
  6. Conclusioni

Uno degli articoli più dimenticati del CAD è l’articolo 42 “Dematerializzazione dei documenti delle pubbliche amministrazioni”: 1. Le pubbliche amministrazioni valutano in termini di rapporto tra costi e benefici il recupero su supporto informatico dei documenti e degli atti cartacei dei quali sia obbligatoria o opportuna la conservazione e provvedono alla predisposizione dei conseguenti piani di sostituzione degli archivi cartacei con archivi informatici, nel rispetto delle (Linee guida).

Fare dematerializzazione non è “cool” come realizzare un nuovo portale, un’app, un servizio, un chatbot, una AI, parte del metaverso, qualcosa che sia spendibile verso le persone in maniera “politica” e “innovativa”. A molti sembra una cosa d’altri tempi, del resto è assolutamente gamechanger. Perché, quindi, parlarne oggi? Perché con le risorse di padigitale2026.gov.it si può fare anche dematerializzazione, una volta effettuato quanto esplicitamente richiesto dagli avvisi e finalizzato all’erogazione dei fondi.

Ecco, allora, una sintesi dei principali obiettivi e dei benefici che la dematerializzazione porta con sé[1]: è importante ricordarli e inserire anche la dematerializzazione tra gli investimenti da fare con le risorse del PNRR, ovviamente (come dicevamo) dopo che sono stati raggiunti gli obiettivi fissati negli avvisi per il digitale.

Obiettivi della dematerializzazione

Gli obiettivi della dematerializzazione sono due:

da una parte adottare criteri per evitare o ridurre in maniera significativa la creazione di nuovi documenti cartacei;
dall’altra eliminare i documenti cartacei attualmente esistenti negli archivi, sostituendoli con opportune registrazioni informatiche e scartando la documentazione non soggetta a tutela per il suo interesse storico-culturale.
Ma come farlo?

Linee guida AgID e dematerializzazione

L’AgID definisce la dematerializzazione come “il progressivo incremento della gestione documentale informatizzata – all’interno delle strutture amministrative pubbliche e private – e la conseguente sostituzione dei supporti tradizionali della documentazione amministrativa in favore del documento informatico”.

La dematerializzazione nella pubblica amministrazione richiede processi innovativi e strumenti tecnologici.

È importante sottolineare che il processo di dematerializzazione non coincide meramente con la “scomparsa della carta” in favore del supporto digitale, o almeno è corretto dire che ciò non è possibile per tutte le tipologie di documenti e di aggregati documentali. Bensì il termine “dematerializzazione” va inteso nel senso più ampio di progressivo assorbimento di determinati documenti all’interno di sistemi documentali digitali, al fine di agevolare la gestione documentale.

Nelle Linee guida AgID si trova due volte il termine “dematerializzazione”:

  • nella sezione 1.3, rimando all’articolo 42 del CAD (Dematerializzazione dei documenti delle Pubbliche Amministrazioni);
  • nella sezione 2.2 che in particolare spiega che:

La copia per immagine su supporto informatico di un documento analogico è prodotta mediante processi e strumenti che assicurino che il documento informatico abbia contenuto e forma identici a quelli del documento analogico da cui è tratto, previo raffronto dei documenti o, nel caso di esigenze di dematerializzazione massiva di documenti analogici, attraverso certificazione di processo nei casi in cui siano adottate tecniche in grado di garantire la corrispondenza della forma e del contenuto dell’originale e della copia.

Leggi l’approfondimento sulle nuove Linee Guida AgID

Si deve verificare la piena corrispondenza tra copia digitale e originale cartaceo che può avvenire tramite:

  • raffronto tra documenti analogico e digitale
  • certificazione di processo (nel caso di dematerializzazione massiva).

La certificazione di processo, può essere definita come un meccanismo di autenticazione legale delle copie prodotte durante un processo di scansione, quindi una dichiarazione ufficiale che la procedura di dematerializzazione massiva è stata applicata seguendo la regolamentazione vigente, mediante un’attestazione di conformità del pubblico ufficiale corrispondente con l’apposizione di una firma digitale.

Guarda l’Academy di FORUM PA 2022 sulla certificazione di processo tenuta da Mariella Guercio

Leggi l’approfondimento su riproduzione e copia nella dimensione digitale

Come per tutti i documenti della PA, i documenti dematerializzati devono poi essere assoggettati al processo ordinario con: apposizione dei metadati corrispondenti, registrazione al protocollo se necessaria, conservazione.

Protocollazione e gestione documentale

L’attività di protocollazione, l’operazione con la quale si memorizzano le informazioni principali relative al documento nel registro di protocollo, è quella fase del processo amministrativo che certifica provenienza e data di acquisizione del documento identificandolo in maniera univoca per mezzo dell’apposizione di informazioni numeriche e temporali. Costituisce pertanto un passo obbligato per tutti i flussi documentali che intercorrono tra le Amministrazioni ed all’interno di esse.

Conservazione delle risorse digitali

Un sistema di conservazione digitale è un insieme di procedure, attività e strumenti tramite i quali ci si propone di salvaguardare nel tempo le memorie digitali. Questo significa conservare a lungo termine documenti digitali, conservandone i contenuti. Ma insieme ai contenuti si devono conservare anche le informazioni necessarie a garantire la riproducibilità della loro forma esteriore (metadata), nonché i collegamenti con le varie parti componenti l’intero sistema informativo, l’intero archivio digitale. Pertanto il processo di conservazione digitale è finalizzato al mantenimento delle caratteristiche di autenticità, integrità, leggibilità, accessibilità e riservatezza dei documenti informatici e deve prendere avvio subito dopo il loro ingresso nell’archivio digitale

Leggi l’approfondimento sulla conservazione digitale

Non dimentichiamo infine che alla base di un buon sistema documentale abbiamo la classificazione dei dati e la fascicolazione, che non sono solo processi interni all’ente ma che in prospettiva dovrebbero permettere anche l’accesso ai dati in tempo reale al cittadino e alle imprese.

Classificazione e Fascicolazione

La classificazione è un’attività di organizzazione logica dei documenti, protocollati e non, che nel caso della Pubblica Amministrazione dipende da una Area Organizzativa Omogenea, secondo uno schema articolato di voci che identificano funzioni, attività e materie specifiche della AOO stessa. Mediante le operazioni di classificazione e registrazione di protocollo vengono attribuiti a ciascun documento dei codici di riferimento che lo identificano e lo associano agli altri documenti che formano la stessa pratica, nell’ambito di una delle serie di un determinato archivio. Tale ordine reciproco prende la forma del fascicolo ossia di un contenitore logico di documenti riferiti ad uno stesso procedimento di processo amministrativo e ad una stessa materia, utili allo svolgimento di una determinata attività. In un fascicolo trovano posto documenti diversi per formato, natura e contenuto.

Leggi l’approfondimento sulla classificazione archivistica

Conclusioni

La dematerializzazione può essere un investimento da fare con le risorse del PNRR rese disponibili sul digitale, ovviamente una volta effettuato quanto richiesto dagli avvisi e finalizzato all’erogazione dei fondi. L’obiettivo degli avvisi non è sicuramente fare “solo quanto indicato”, ma fare molto di più e tra questo di più, si può ragionare di documenti cartacei.

I vantaggi della dematerializzazione sono innumerevoli. Tra i principali: risparmio di costi e risorse; risparmio di tempo (basti pensare a quanto sia diverso cercare un documento in un vecchio archivio polveroso e non classificato e cercare lo stesso documento in un database informatico. Moltiplichiamolo per tutte le ricerche di documenti fatte in Italia in un solo giorno e capiamo l’impatto di questo cambiamento); riduzione impatto ambientale; riduzione degli errori (trascrivere dati è passibile di errori, passare un documento digitale no). Infine, cambio di pensiero: come classificare i documenti che sto dematerializzando? La prima risposta che viene in mente è: secondo le mie necessità! E se invece pensassimo: secondo gli output che devo generare?

1 Agosto 2022
22 Luglio 2022

Si sono laureati due ingenieri gestionali che hanno fatto tirocinio presso consozio.IT

Questo mese si sono laureati due studenti del Politecnico di Milano che nel loro percorso hanno arricchito il proprio curriculum formativo con una stimolante esperienza di stage presso la nostra azienda prima del conseguimento del titolo.
Congratulazioni all'Ing. Riccardo Curati  e Ing. Leonardo Ceccarelli
Crediamo che la collaborazione tra mondo accademico e mondo del lavoro avvantaggi entrambi, inoltre avvicinare giovani talenti alla pubblica amministrazione è un opportunità per il paese.
Grazie anche al Prof. Luca Gastaldi per la proficua collaborazione

Link articolo La Provincia di Cremona: https://www.laprovinciacr.it/news/cronaca/390455/lauree-doppio-appuntamento-al-campus-di-cremona-del-politecnico-di-milano.html

22 Luglio 2022
19 Luglio 2022

PA, come realizzare servizi digitali innovativi: l’importanza dell’interoperabilità

Articolo pubblicato originariamente su: www.agendadigitale.eu/cittadinanza-digitale/pa-come-realizzare-servizi-digitali-innovativi-limportanza-dellinteroperabilita/

PA, come realizzare servizi digitali innovativi: l’importanza dell’interoperabilità

Cos’è un servizio digitale utile e come realizzarlo? La nostra PA non ci è ancora arrivata? Ecco perché non siamo così lontani dal realizzarli, ma bisogna superare importanti ostacoli culturali

Sara La Bombarda - Responsabile per la Transizione Digitale presso Regional Agency for Technology and Innovation - Puglia
Andrea Tironi - Project Manager - Digital Transformation

Una Pubblica amministrazione che semplifica davvero la vita ai cittadini non può non essere interoperabile, in tutte le sue diverse declinazioni.
Solo così potrà fornire servizi utili e veramente innovativi.  A questo proposito, il cuore degli avvisi di padigitale2026.gov.it è l’“Avviso Misura 1.4.1 “Esperienza del Cittadino nei servizi pubblici” Comuni Aprile 2022”.

Tale avviso ci porta infatti a riflettere su come realizzare servizi innovativi e digitali che siano:

  • utili: non fini a sé stessi
  • veloci: copiare se necessario da best practices già esistenti
  • facili: di semplice accesso, mediante mobile
  • interoperabili: ne parleremo parecchio dopo

Le domanda da porsi, a questo punto, sono: come raggiungere questo obiettivo? Che ostacoli ci sono o potrebbero esserci? Su quale/i punto/i in particolare focalizzarsi?

Definizione di servizio digitale utile

Cosa è un servizio utile per il cittadino/impresa?

Non si può sbagliare: lo dice il Piano Triennale già nella sua edizione 2020-2022 che definisce i principi guida ed inserisce tra questi la definizione di servizio digitale: “Le pubbliche amministrazioni devono progettare servizi pubblici digitali che siano inclusivi e che vengano incontro alle diverse esigenze delle persone e dei singoli territori”.

Un servizio pubblico digitale sottende al principio #digital first che significa chiedersi cosa il digitale può fare per potenziare, trasformare, stravolgere o a volte distruggere il business o servizio come era concepito fino a ieri. Principio che si rafforza e si arricchisce nella versione aggiornata 21-23 “servizi inclusivi e accessibili che vengano incontro alle diverse esigenze delle persone e dei singoli territori e siano interoperabili by design in modo da poter funzionare in modalità integrata e senza interruzioni in tutto il mercato unico esponendo le opportune API”.

Le parole scelte per definire il servizio pubblico sono estremamente efficaci: si parla di persone, e non solo di cittadino o impresa, e si parla di singoli territori. È come se si volesse sottolineare la grande eterogeneità degli interlocutori della pubblica amministrazione, degli utenti e dei fruitori dei suoi servizi. Quindi un servizio utile (che rappresenta un dovere della PA) è un servizio progettato per dare delle risposte, per riconoscere un diritto, erogare un contributo, creare delle opportunità, generare impatto.

Cosa c’è alla base di un servizio digitale utile?

Sempre nel Piano Triennale e nell’ultima definizione presentata sopra in corsivo, troviamo alcune fondamentali risposte. Sono introdotti dei concetti fondamentali (interoperabili by design, modalità integrata, API) già presenti in realtà nelle precedenti versioni del Piano ma che questa volta vengono indissolubilmente legati alla definizione di servizio digitale pubblico.

Si tratta di alcune parole scelte con precisione, che mirano ad evidenziare come sia fondamentale progettare non solo il contenitore (designers.italia.. accessibilità..eccetera) ma anche il contenuto dei servizi che, in un’ottica di trasformazione digitale, non può limitarsi alla digitalizzazione dei procedimenti amministrativi. Non basta consentire al cittadino di scaricare online un certificato, se poi la stessa informazione gli viene chiesta per accedere ad un altro servizio pubblico. Non basta consentire di accedere tramite SPID se poi non lo “riconosco” davvero: se non riesco a passare da un servizio pubblico ad un altro tutte le informazioni che possano realmente rispondere alle “diverse esigenze delle persone e dei singoli territori”, sto facendo un servizio parzialmente digitale, non interoperabile.

Ed immediatamente, a quest’ultimo principio guida dedicato ai servizi digitali ovvero l’interoperabilità, non possiamo che associare il principio del once only: tanto potente quanto semplice.

Principio associato all’interoperabilità

Once only: se ho già il tuo dato non te lo devo richiedere sotto forma di reinserimento, autocertificazione o altro. Avere il tuo dato vuol dire che “la grande macchina PA ce l’ha in uno dei suoi meandri”. Se ce l’ha INPS o AdE, la PA ce l’ha: perché il comune deve richiedermelo?

Il meccanismo funziona anche internamente alla PA: si chiama onceonlypa, ovvero è inutile chiedere al comune di caricare le informazioni contabili in diverse basi dati. Facciamo in modo che una volta inserite nell’applicativo vengano condivise con i livelli necessari e rese disponibili con API. Oppure è inutile chiedere al comune se permette accesso con SPID: meglio chiedere ad Agid.

Se si guardano gli esempi presenti sul sito si vede chiaramente come le interfacce siano già precompilate con i dati del cittadino, e questo è possibile solo con interoperabilità, altrimenti un cittadino dovrà (da smartphone spesso) inserire molti dati (perdendo la pazienza e commettendo un sacco di errori).

Finti ostacoli all’interoperabilità

L’interoperabilità tecnologia non è un problema, se non nella misura in cui non c’è cultura tecnologica. Di tecnologia per quanto ha bisogno di fare la PA per creare servizi digitali utili, ne abbiamo anche troppa (ad esempio, non ci serve il metaverso). L’aspetto tecnologico può essere compreso con completezza e da valutare solo in merito ai carichi di richieste. Del resto, ci sono siti di eCommerce che ricevono milioni di richieste al secondo.

Interoperabilità Umana

Questa potrebbe aumentare, anche se avendo partecipato a tavoli di Forum PA, Assinter e altri, risulta chiaro a tutti nella PA che “abbiamo bisogno dei dati di qualcun altro e che questo non ce li dà o se ce li dà ci fa penare”. Quindi abbiamo bisogno di interloquire con gli altri enti/silos (sia interni alla nostra amministrazione che esterni) per avere dei dati che ci semplificano il lavoro. Il salto umano da fare è solo quello di capire che se vogliamo ricevere dati, dobbiamo anche dare dati e che l’interoperabilità (come la comunicazione umana) è bidirezionale: io chiedo a te dati e tu li chiedi a me, ce li scambiamo e siamo tutti felici.

Interoperabilità di profilazione

Al momento, l’interoperabilità che tecnologicamente è fattibile e umanamente è percepita come necessaria, si sta scontrando con le contrattualistiche e i profili di accesso ai dati, ovvero con la fase “pilota” in cui si cerca di capire chi accede a cosa e come. Alcuni sventolano la privacy come riferimento per far capire che “non è così facile” rendere disponibili dati il cui accesso va dato secondo l’interlocutore che li richiede. Qui ci sentiamo di sottolineare alcuni aspetti:

  • gelosia del dato: voglio il tuo dato ma non ti do il mio, per privacy. Il GDPR nell’articolo 1 smonta questa credenza: “Il presente regolamento stabilisce norme relative alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché norme relative alla libera circolazione di tali dati”. Ovvero i dati sono fatti per circolare, non per rimanere chiusi nel server del mio ufficio, o nel data center in cloud.

  • Reverse privacy vs once only: ci sono enti che non forniscono il dato per privacy, senza capire che così la danneggiano. Ad esempio, se l’ente A che ha il compito di trattare dati sensibili D non mi espone un API che mi permette di dire se la persona è positiva o negativa, io dovrò richiedere alla persona il dato D, gestirlo, trattarlo, salvarlo, con conseguente rischio maggiore per i dati forniti alla PA. Se il principio fosse once only invece basterebbe chiamare l’API, e tutto si risolverebbe senza trattare il dato. Si tratta della privacy usata per non tutelare la privacy convinti di tutelarla (appunto reverse privacy). Tra l’altro il non richiedere il dato D mi permette di seguire anche il principio della minimizzazione dei dati, ovvero richiedere i soli dati necessari e non dati ridondanti.

Interoperabilità contrattuale

Non di rado nelle periodiche ricognizioni di piattaforme e servizi della PA, viene indicato il fornitore come responsabile della mancata realizzazione di interoperabilità fra sistemi. Non sempre questo è vero, anzi lo è raramente. Innanzitutto, perché esiste una modalità “contrattuale” per garantire la collaborazione del fornitore: è sufficiente inserire tra le attività oggetto della fornitura anche questo aspetto. Il vero problema è che anche il più valido dei fornitori non riuscirà a completare l’attività se dall’altra parte (ovvero la PA A che deve dare il dato alla PA B che sta facendo il contratto con il fornitore) non c’è l’intenzione/capacità/risorse per fare interoperabilità.

La conseguenza è che sempre più spesso ci sono fornitori che promettono “soluzioni accessibili e interoperabili” e vorrebbero anche realizzarle rispettando i contratti. Possono certamente garantire le competenze tecnologiche e la loro professionalità, ma non possono garantire la realizzazione della cooperazione applicativa tra sistemi, il perché è già stato detto: non è un problema di tecnologia.

Risorse economiche

Ad oggi abbiamo un insieme di elementi favorevoli per il cambiamento digitale: la PA vuole fare servizi digitali utili, una parte della cittadinanza usa servizi digitali efficaci (es. eCommerce) e li vorrebbe uguali quando si affaccia alla PA, i fornitori sono (non tutti ma una parte si) pronti a fare interoperabilità, la normativa chiede interoperabilità (Il piano triennale ne parla, il CAD, la Guida dei Diritti di Cittadinanza Digitale), quindi cosa manca davvero per poter fare reale interoperabilità?

Un esempio per capire perché abbiamo bisogno dell’interoperabilità

Proviamo a descrivere, semplificando, un caso d’uso dove il servizio al cittadino viene limitato nella sua efficacia dalla mancanza di cooperazione applicativa (detta anche interoperabilità) tra sistemi della pubblica amministrazione.

Si tratta dell’assegnazione del beneficio relativo alla fornitura gratuita o semi gratuita di libri di testo per gli studenti frequentanti le scuole secondarie di primo e secondo grado con un reddito familiare basso e residenti nel territorio regionale. Il beneficio viene erogato dai Comuni, sulla base delle risorse assegnate dalla Regione. Dunque, per accedere a questo beneficio gli aventi diritto devono: presentare l’istanza online e compilare tutti i dati relativi ai “requisiti”, quindi: ISEE, frequenza scolastica e residenza. Parliamo di circa 60 mila istanze per quanto riguarda la regione che prendiamo come riferimento, ovvero la Puglia.

Il servizio digitalizzato attualmente prevede l’utilizzo di una piattaforma “interoperabile by design” che acquisisce le candidature e provvede alla creazione di un elenco provvisorio delle istanze ammissibili, previa acquisizione dei dati ISEE tramite cooperazione applicativa con la Banca dati dell’INPS e previo controllo preliminare di verifica dell’effettiva frequenza scolastica, tramite cooperazione applicativa con il Ministero per l’Istruzione.

A questo punto però è necessario verificare la correttezza della residenza anagrafica del beneficiario: il singolo Comune dovrà accreditare un proprio funzionario responsabile che dovrà accedere in piattaforma e procedere con la verifica richiesta. Eppure, l’interoperabilità con l’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente avrebbe potuto evitare un importante passaggio nella procedura.

Se volessimo immaginare diversamente l’intero processo, se volessimo immaginare un servizio pubblico che riconosce “le persone” e sa di cosa hanno bisogno e a cosa hanno diritto, potremmo pensare ad una notifica push su AppIO del genitore dello studente frequentante, che ha un ISEE sotto la soglia e che risiede nel Comune X, senza fare niente. Nella notifica il genitore trova perfino le istruzioni per l’utilizzo del contributo “buono libro digitale”, spiegato per bene.

Si passa quindi da una cittadinanza che passa il tempo a scoprire di aver diritto ad un buono, a capire come richiederlo, a inserire tutti i dati per averlo, ad una cittadinanza che riceve una notifica che dice “hai diritto a questo buono, fai così per spenderlo”! Un po’ come accaduto col bonus vacanze ma con l’evoluzione che i controlli per verificare la legittimità della richiesta sono fatti a monte, e quindi solo chi ha diritto riceve la notifica.

Non siamo ancora lì, ma non siamo nemmeno troppo lontani e molte base dati si stanno aprendo o sono in fase pilota per poi aprirsi.

Questo perché consideriamo l’interoperabilità un processo, inarrestabile, che si alimenta di apripista, di best practice e di circoli virtuosi, e per questo progressivamente sempre più i cittadini come professionisti, le persone, chiederanno che i sistemi della PA debbano scambiare dati e informazioni per valorizzare il dialogo che si attua attraverso i servizi digitali, per avere servizi utili, per poter “usare” la PA come usano i servizi di e-commerce.

Nel caso specifico presentato sopra l’interoperabilità:

  • permette di fare domanda solo a chi ne ha i requisiti: questo evita malcontento in chi fa domanda e se la vede respinta, solo perché il sistema permetteva di farla, o evita i furbi “che ci provano” facendo sprecare tempo ai controllori
  • permette di ridurre al minimo le fasi di controllo: se il controllo è fatto a monte permettendo solo a chi può di fare domanda, le domande si riducono drasticamente
  • se i dati sono “interoperabilmente” precompilati, si riducono gli errori di inserimento
  • permette di avere nella PA più tempo “di qualità e ragionamento” e meno tempo “burocratico di controllo”
  • permette di far evolvere i servizi da #dovereonly (messaggio su IO di paga la Tari) a #dirittoedovere (arriva un messaggio che dice che in base alle tue caratteristiche hai diritto al Bonus vacanze)
  • permette di far sentire lo Stato collaboratore del cittadino e dell’impresa e non solo vessatore (se mi scrivono ci sarà qualcosa da pagare)
  • permette di semplificare la partecipazione del cittadino alla cosa pubblica: compro su e-commerce, faccio subito ci metto 2 minuti; mi arriva un messaggio dalla PA: sarà sicuramente un pagamento e ci metterò 2 ore a farlo, lo faccio dopo
  • permette di fare servizi di qualità, interoperabili, accessibili, sicuri by design, privati (ma il giusto non il troppo) by design
  • permette di avere dati di migliore qualità a supporto delle decisioni, con base dati uniche, aggiornate in tempo reale, e consultabili quando serve

Conclusioni

Tutto questo è fantascienza? Tecnologicamente no, è una possibilità che esiste da anni. Umanamente è una necessità sia internamente alla PA che dei cittadini e delle imprese. Come PA, dobbiamo farlo adesso, perché se riusciremo a fare interoperabilità sia tra PAC che tra PAC e PAL in entrambe le direzioni, sia tra PAL, probabilmente avremo fatto un grosso passo per poter dire: noi c’eravamo all’epoca del PNRR e abbiamo fatto un grosso cambiamento nel modo di gestire, lavorare, vivere, interagire con la PA. E la PA potrebbe davvero diventare un alleato nel rilancio del Paese con servizi davvero digitali, smart e utili, e non un mero “controllore analogico burocratico”.

19 Luglio 2022

Bando E-state più Insieme

Bando E-STATE PIU' INSIEME
L’iniziativa prevede la costruzione di una rete di enti che dovrà realizzare un programma di iniziative rivolte all’infanzia e all’adolescenza (0 -17 anni e 364 giorni) per il periodo 01 luglio – 31 marzo 2023, il cui capofila dovrà essere un ente pubblico tra i seguenti: Ambiti territoriali – enti capofila dell’accordo di programma oppure, in subordine, Comuni singoli, Unioni di Comuni, Comunità Montane.

  • Data di apertura 29/06/2022 ore 12:00
  • Data di chiusura 05/07/2022 ore 12:00

Gli Ambiti territoriali – enti Capofila dell’accordo di programma oppure, in subordine, Comuni singoli, Unioni di Comuni, Comunità Montane potranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso Bandi Online, raggiungibile all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it.

23 Giugno 2022
Avviso Sport e periferie 2022

Avviso Sport e periferie 2022

Avviso Sport e periferie 2022

  • Data di apertura 15/06/2022 ore 12:00
  • Data di chiusura 14/10/2022 ore 12:00

I soggetti proponenti potranno formulare quesiti in merito alla partecipazione al presente avviso entro e non oltre le ore 12.00 del 15 luglio 2022. Gli stessi dovranno pervenire esclusivamente per iscritto all’indirizzo pec: progettisport@pec.governo.it. Non saranno valutati quesiti pervenuti oltre le ore 12.00 del 15 luglio 2022.

6 Giugno 2022
rimozione delle barriere fisiche

Avviso pubblico per proposte di intervento per la rimozione delle barriere fisiche...

Avviso pubblico per proposte di intervento per la rimozione delle barriere fisiche, cognitive e sensoriali dei musei e luoghi della cultura pubblici non appartenenti al MiC

  • Data di apertura 12/05/2022 ore 12:00
  • Data di chiusura 12/08/2022 ore 12:00

Le domande dovranno essere presentate esclusivamente in modalità telematica, con apposizione di firma digitale da parte del legale rappresentante del soggetto proponente, pena l’inammissibilità, unicamente sui modelli predisposti e resi disponibili sulla piattaforma telematica SERVIZI ONLINE del Ministero della cultura all’indirizzo: https://servizionline.cultura.gov.it

6 Giugno 2022